Contro lo stress, usa i colori – ecco perché

Cosa c’entra lo stress coi colori?

Ti sarai accorto che da qualche tempo, entrando in edicola o in una qualsiasi libreria, spopolano libri pieni di disegni da colorare. Si dice servano a ridurre lo stress, a rilassare, ma cosa c’è di vero in tutto questo? Proviamo a spiegarlo.

Il primo ad essere citato, quando si parla di “terapia del colorare“, è Carl Gustav Jung, psichiatra di inizio novecento, che faceva usare la colorazione dei mandala come attività di introspezione e rilassamento. 

I mandala sono disegni decorativi all’interno di una forma rotonda, ne avrai visti di sicuro. La loro origine è orientale e questi avevano un significato religioso molto preciso. Oggi, li utilizziamo come bellissimi soggetti da colorare o da tatuarci addosso. La loro estetica, infatti, colpisce tutti, perchè possono essere semplici o molto dettagliati, geometrici o floreali.

Perché i colori dovrebbero rilassare e ridurre lo stress?

Quello che succede, quando siamo concetrati nel colorare, è questo:

  • l’emisfero destro, legato all’immaginazione e alla creatività, si attiva per la scelta dei colori e delle forme
  • l’emisfero sinistro, legato alla logica e al movimento, si attiva per coordinare molto bene i movimenti che ci servono a colorare.

Ѐ un’attività che richiede tutta la nostra attenzione e questo ci porta a mettere da parte, per un po’, gli altri pensieri.

In particolar modo colorare, rispetto al disegnare, dà una sensazione di controllo, perché dobbiamo far sì che il colore non fuoriesca dai bordi, dobbiamo tenerlo entro certi limiti.

Un altro motivo per cui usare i colori è tanto rlassante e riduce lo stress, è che ci rimanda a un’attività che facevamo da bambini e che abbiamo perso col tempo. Se ci lasciamo andare ai ricordi belli dell’infanzia, infatti, sarà come fare un sogno ad occhi aperti e staccheremo la spina.

COSE DA SAPERE, CHE POCHI TI DICONO, SULL’ATTIVITA’ DEL COLORARE

Abbiamo visto come colorare un disegno può, in effetti, aiutare a distaccarci dai nostri problemi e a rilassarci. Ci sono però delle cose da sapere:

1) Colorare non viene considerata una pratica terapeutica.

Quando si parla di Arte terapia, non ci si riferisce solo al colorare, ma a un percorso che comprende anche altre modalità artistiche. Non si tratta, infatti, di rilassarsi e basta, ma di indagare se stessi, le proprie emozioni e imparare a gestirle.

2) Colorare può diventare un’ossessione.

Stiamo parlando di casi estremi, ma colorare può trasformarsi in un’ossessione, quella di riempire tutti gli spazi, colorare per forza tutti i disegni, a rischio di sentirsi a disagio.

Colorare infatti non stimola molto la creatività artistica, perché richiede solo una scelta di colori su un disegno pre-esistente, quindi fa svolgere un compito che possiamo definire “già assegnato“.

L’unico modo per sviluppare davvero la creatività ed esprimere la propria personalità è creare: attraverso il disegno, la pittura, il modellare, fare collage e così via.

3) Colorare da soli o in compagnia ha effetti diversi.

Colorare da soli può essere utile per stimolare la concentrazione e distaccarsi dai pensieri.

Colorare in gruppo, invece, ha come effetto positivo principale quello di promuovere la socializzazione e lo scambio.

MODI ALTERNATIVI DI RILASSARSI, COLORANDO

Visto che gli effetti del colorare sono positivi, ecco dei trucchi per aumentare la sua efficacia.

1) Prima di colorare un disegno, usa un pennarello nero per arricchirlo con fantasia.

Lasciati ispirare e aggiungi dettagli, decorazioni, tutto quello che la creatività ti ispira.

Dopo, procedi con il colorare. In questo modo avrai stimolato la tua immaginazione e anche promosso il rilassamento.

2)Prendi un’immagine da un giornale e ricalcala.

Puoi scegliere quello che preferisci e sentirti libero, durante il ricalco, di fare le modifiche che ti ispira la tua immaginazione. Ripassa il disegno con un pennarello nero e, dopo, colora.

3)Prova gli scarabocchi.

Per rilassarsi non serve un disegno perfetto. Prova a tracciare sul foglio linee, cerchi, forme strane, in tutta libertà, senza una vera logica. Alla fine, colorali come preferisci.

4) Scambiatevi i disegni.

Se siete in due o più persone, provate a fare un disegno e poi a scambiarvelo per colorare, ognuno, quello dell’altro. In questo modo stimolerete la creatività, il divertimento, la socializzazione e, ovviamente, il rilassamento.

 

Vuoi provare gli effetti rilassanti e distensivi del disegno?
Ricevi subito tre esercizi gratuiti di mediazione artistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *